Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Area riservata alla discussione di argomenti concettuali di fisica, non necessariamente legati ad uno specifico problema
Pigkappa
Messaggi: 1803
Iscritto il: 11 gen 2009, 14:58
Località: Londra

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Pigkappa » 27 ago 2020, 20:59

Ti saluto volentieri ma di solito non serve su un forum cosi' :P Potresti provare a partecipare adattandoti al formato del forum, postando problemi adatti alle Olimpiadi (la relativita' ristretta e' nel programma) per studenti di liceo.
"Per un laser, si passa da temperature positive a temperature negative non passando attraverso 0 K, ma passando attraverso l'infinito!" (cit.)
"Perché dovremmo pagare uno scienziato quando facciamo le migliori scarpe del mondo?" (cit.)

Gamow00
Messaggi: 161
Iscritto il: 24 ago 2016, 14:52
Località: Cambridge

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Gamow00 » 28 ago 2020, 14:32

Navi ha scritto:
27 ago 2020, 17:05
Quanto alla velocità, caro mio, sappi che Galileo non conosceva della composizione relativistica, sicché, per lui, tutto rimaneva identico, laddove invece ora sappiamo che la velocità fa mutare quella dei corpi e corpuscoli che si trovano nel sistema in moto. Perciò, è tutto un altro pianeta…
Non c'è alcun bisogno di conoscere la fisica del '900 per confutare la tua affermazione, si può fare semplicemente usando il Principio di Relatività, già formulato da Galileo.
Navi ha scritto:
27 ago 2020, 17:05
Ti prego di ricavarmi nel modo più semplice e celere la dilatazione temporale sul Sole:c’entra con il tema. Attendo.
L'unico modo appropriato(che conosco) di calcolare la dilatazione temporale dovuta alla gravità sulla superficie del Sole è approssimarlo come una sfera non rotante e dire che la metrica di Schwarzschild descrive lo spazio intorno ad esso.
Si possono comunque ottenere risultati approssimati tramite dei trucchetti che, nonostante sembrino sensati, non hanno in realtà un vero motivo di funzionare(un po' come il famoso modo di ricavare il raggio di Schwarzschild di un corpo usando velocità di fuga e "fotoni massivi").
Scrivo uno di qusti trucchi lerci perchè potrebbe risultare interessante a qualcuno.
  • Di solito la dilatazione temporale dipende dal solito fattore , che dipende dalla velocità, quindi dalla energia cinetica.
  • L'energia cinetica di un corpo è
    Quindi
  • Affermo senza assolutamente nessuna ragione che la stessa cosa funziona anche se derivo il fattore dalla energia potenziale gravitazionale. Chiamo questo fattore indegno di esistere .
  • Sostituendo al posto di l'energia potenziale , ottengo .
  • Quindi la dilatazione temporale dovuta al campo gravitazionale é , dove misura il tempo di un osservatore all' e quello di un osservatore a distanza dal Sole.
E' interessante notare che questo risultato è uguale a quello canonico al primo ordine. Infatti il vero fattore è che, espandendo rispetto a , diventa proprio .
Sapere aude ;)

Navi
Messaggi: 182
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Navi » 28 ago 2020, 17:57

Gamm00W, noto alcune acredini nei tuoi interventi: credo di non meritarmele. A ogni modo, non mi tiro indietro. Nella RR non è mai raggiungibile C, sicché, mentre Galileo diceva che, a qualsiasi velocità, nel sistema in moto nulla cambiava, in RR, invece, se io vado già a 299792450 m/s, ogni altro movimento ha solo lo spazio fino a QUASI 8 metri il secondo: dopo di che tutto si ferma. E il fatto è che il rallentamento non è uniforme, bensì si modella secondo la velocità di cui ogni corpo già gode. Cosicché, se i miei elettroni andranno ad alcuni centimetri il secondo, va a finire che il mio cuore si ferma quasi del tutto; che nelle mie vene il sangue scorre lentissimamente ecc. ecc. ecc.
Ficcati bene in testa tali verità.
Inoltre, devi ringraziarmi poiché tu prima non sapevi che fosse la relatività (tua dichiarazione in altro post- non in problemi teorici-, ma non ricordo quale: però lo posso rintracciare): ora la mastichi.

Per il sole tu fai tutto quell’Ambaradam
Compare Ivan dice semplicemente
T= t√1- 0.0000043681

Gamow00
Messaggi: 161
Iscritto il: 24 ago 2016, 14:52
Località: Cambridge

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Gamow00 » 28 ago 2020, 18:38

Masticare la relatività significa ben altro, io so giusto fare due cose. E di sicuro la mia conoscenza non è cambiata di una virgola da quando ti conosco.
Ti consiglio di leggere il link nella mia risposta precedente , dove si spiega cos'è il principio di relatività.
Principio di relatività: Le leggi fisiche sono le stesse in tutti i sistemi di riferimento inerziali.
Questo significa che non c'è nessun modo di sapere a quale velocità assoluta si sta viaggiando, proprio perchè questo concetto è privo di senso. Non c'è quindi un singolo elettrone del tuo corpo che si possa accorgere di una minima differenza. Nota che questo non c'entra niente con la relatività di Einstein, è un principio che vale sia nella meccanica Newtoniana che in quella relativistica.
Navi ha scritto:
28 ago 2020, 17:57
Compare Ivan dice semplicemente
T= t√1- 0.0000043681
Tirare fuori un numero dal cappello è perfettamente inutile. Se si ottiene un'equazione la si può estendere agli altri corpi celesti con 0 sforzo, mentre un valore numerico è sterile.
Sapere aude ;)

Navi
Messaggi: 182
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Navi » 28 ago 2020, 18:49

Vedo che insisti ancora con Galileo, laddove ti ho spiegato la composizione: affare tuo.
Vedrò di trovare dove tut stesso hai detto di non conoscere la RR


Non è questione di un numero: si può, in ogni caso, trovare il numero adatto. dice Okkam: frustra fit per plura quod potest fieri per pauciora.

Che semplificazione la RG ridotta a u numero.


Anche la curvatura è stata semplificata ed è perfetta: invece dei tensori!

Da sogno.....

Navi
Messaggi: 182
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Navi » 10 nov 2020, 11:56

«Premetto che non ho alcuna conoscenza in relatività quindi potrei dire grandi castronate)
Se calcoli la velocità di fuga sulla superficie del pianeta allora sì, il raggio minimo deve essere il raggio di Swarzschild. Questo perché si può definire il raggio di Swarzschild come il raggio che deve avere un certo corpo (mantenendo costante la massa) affinché diventi un buco nero. Infatti sull'orizzonte degli eventi di [/i]un buco nero la velocità di fuga è ovviamente .
Tu però stai parlando di un satellite, quindi devi tenere conto che il raggio deve essere ancora più piccolo, perché il satellite orbiterà a una certa distanza dalla superficie».

Luche', ho trovato dove avevi scritto di non conoscere la Rel. Ora hai fatto progressi. Tuttavia, mi scrivi tutte quelle righe per ricavare la formula delle RG (scolasticamente). Io invece, ti spingevo a calcolare la dilatazione temporale in modo molto più breve, intuitivo, immediato. E ti ho detto come esempio la dilatazione temporale sul Sole. A me non mi interessano masse, raggi, orizzonti degli ev., ecc., ma solo la vecolità di fuga.
Proviamo?

Navi
Messaggi: 182
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Navi » 12 nov 2020, 11:08

Lu’, qui si parrà la tua nobilitate.

Ti sei consentito il lusso di scrivere che da me non hai imparato un tubo (io, invece, da te ho appreso qualcosa):

Hai dimenticato di aver scritto: «Premetto che non ho alcuna conoscenza in relatività quindi potrei dire grandi castronate)

Ti sei permesso il lusso di scrivere «Tirare fuori un numero dal cappello è perfettamente inutile. Se si ottiene un'equazione la si può estendere agli altri corpi celesti con 0 sforzo, mentre un valore numerico è sterile».
Ora, io senza perdere tempo e per dimostrarti che ragiono con formule, e non con cappelli, ti invito a ricavare con me la dilatazione temporale su un pianeta, rispetto alla Terra, con massa 1.000 volte maggiore e con lo stesso raggio.
Tu vai con il tuo percorso, io con il mio: vediamo qual è più snello.
NON PUOI TIRARTI INDIETRO, SORRY.

Gamow00
Messaggi: 161
Iscritto il: 24 ago 2016, 14:52
Località: Cambridge

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Gamow00 » 12 nov 2020, 13:03

Caro Navi,
ritengo di averti già risposto, in quanto ho ricavato la dilatazione temporale dovuta a un pianeta qualche messaggio sopra.
Se vuoi un metodo ancora più semplice (ma ugualmente approssimato), c'è il classico trucco ideato dallo stesso Einstein.

Consideriamo una torre alta , che abbia alla base una sorgente di fotoni e in cima un "convertitore di luce" . Quest'ultimo oggetto riceve della luce e trasforma la sua energia in massa, secondo .

Immaginiamo di spedire un fotone con energia da a : se il fotone non perde energia, arriverà a sempre con energia . Viene ora trasformato in massa e fatto cadere; sembrerebbe che la sua energia sia adesso !

Chiaramente questa contraddizione significa che anche i fotoni sono influenzati dal campo gravitazionale. In particolare la loro energia diminuisce di un fattore . Si può fare la stessa cosa usando il "vero" potenziale gravitazionale per vedere che si ottiene lo stesso risultato dell'altro messagio, ovvero .

Ci tengo a sottolineare che questo vuole solo dare un'idea di perchè i fotoni devono essere influenzati dal campo gravitazionale (e di conseguenza c'è la dilatazione temporale), ma la derivazione non è corretta dal punto di vista matematico (infatti il risultato è giusto solo al primo ordine).
Sapere aude ;)

Navi
Messaggi: 182
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Navi » 12 nov 2020, 16:44

E quindi non ci perdiamo nulla a produrre nel concreto: affinché le nostre non rimangano elucubrazioni mentali.

C'è un pianeta che ha un massa mille volte quella terrestre, ed ha lo stesso raggio. Della Terra sai il sufficiente; quindi: quando sulla Terra sono passate tre ore, quanto tempo è trascorso sul pianeta massivo?
Fa' i tuoi calcoli; giustificali e rispondi. Non tirarti indietro.
Io adotto un'altra impostazione logico-matematica e me la cavo con un'equazione.

Proviamo: su, dài, onoriamo il forum: siamo quasi a 6.000 visite
In gamba!

Navi
Messaggi: 182
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Ventilata contrazione delle lunghezze in RR

Messaggio da Navi » 12 nov 2020, 17:33

Voglio darti una mano (funzionale alle operazione: ALMENO, SPERO)

Il tempo s pianeta rallenta di 0.1313 secondo per ogni secondo terrestre.

Rispondi