Olimpiadi e scuole d'eccellenza al quinto anno

Area dove è possibile incontrare amici per dialogare su qualsiasi argomento intorno alla Fisica, e non solo di Fisica
Rispondi
justP
Messaggi: 2
Iscritto il: 29 lug 2020, 18:48

Olimpiadi e scuole d'eccellenza al quinto anno

Messaggio da justP » 30 lug 2020, 14:28

Salve a tutti, finita l'estate inizierò il quinto anno di liceo scientifico e, com'è giusto che sia, mi sto scervellando per scegliere l'università giusta: le opzioni sono fisica, ingegneria o informatica. Premesso questo, l'intenzione del thread non è ricevere consigli riguardo la scelta in sé (anche se sono sempre ben accetti :D ), quanto piuttosto avere delle delucidazioni per quanto riguarda fisica e, come da titolo, le scuole d'eccellenza. Ho già navigato un po' sul forum e mi sono fatto un'idea, ma vorrei ricevere delle risposte più personali riguardo qualche aspetto che ritengo fondamentale:

1) Com'è la vita nelle scuole d'eccellenza? Parlo di mole di studio (mi rendo conto che è importante organizzarsi, ma ottimisticamente quanto tempo libero si ha a disposizione?), di struttura e soprattutto di persone (la domanda potrebbe essere alimentata da stupidi preconcetti, ma i ragazzi in collegio quanto sono "normali"? Ho il timore di trovarmi con un gruppo di persone con cui non riuscirei a stare a contatto). In sostanza, vale la pena prepararmi per un anno per l'ammissione e vivere in quell'ambiente o finirei per precludermi un'esperienza potenzialmente migliore?

2) A scuola vado molto bene in tutte le materie, in matematica e fisica non fatico a raggiungere l'eccellenza scolastica, non sono neanche un ragazzo che studia particolarmente tanto. Le olimpiadi di matematica le ho affrontate per tutti e quattro gli anni riuscendo a passare 2 (o 3, non ricordo bene) volte alla gara di Febbraio per poi fermarmi lì, tutto senza un minimo di preparazione (giusto aver provato a fare qualche problema 1-2 giorni prima). Quelle di fisica sfortunatamente quest'anno non le ho potute fare, di conseguenza ho provato solo l'anno scorso, non ho passato la fase d'istituto ma sono stato il primo fra le terze. Ovviamente anche qui senza preparazione. So che è una domanda che fanno spesso, ma come sono messo secondo voi? Ho speranze? Certo è che dovrò studiare molto, ma considerando l'interesse lo faccio volentieri, e poi credo possa essere anche un modo per essere sicuro di voler fare fisica.

3) Probabilmente la cosa più importante: per prepararmi ho letto di studiare su tutto l'halliday (ho intenzione di utilizzare Fisica 1 e 2, probabilmente in digitale) facendo molti degli esercizi che propone, successivamente pensavo di allenarmi sui problemi olimpionici (così da poter partecipare anche alle olimpiadi). La mia linea di pensiero è giusta? Avete consigli per evitare di farmi perdere tempo in qualche modo? Nella lista dei libri per la preparazione olimpica cosa può tornare ancora veramente utile? Se avete consigli per le olimpiadi di matematica sono tutto orecchie, comunque aprirò un thread anche sul loro forum.

Alla fine è uscito un papiro :lol: , e io che mi ero ripromesso di non scrivere tanto.
Grazie mille a tutti quelli che risponderanno :D

Pigkappa
Messaggi: 1754
Iscritto il: 11 gen 2009, 14:58
Località: Londra

Re: Olimpiadi e scuole d'eccellenza al quinto anno

Messaggio da Pigkappa » 31 lug 2020, 19:20

Se fai molto bene le olimpiadi, arrivando al preIpho e/o al preImo, puoi conoscere gli altri ragazzi che fanno bene le olimpiadi e ci sarà intersezione tra questi e quelli che troverai in Normale. Pensando ai normalisti del mio anno direi che in media erano leggermente più nerd e meno socialmente adatti dei facoltosi (così chiamavamo quelli in facoltà), ma la differenza non è molta. E non è che se sei normalista non riesci a fare amici al di fuori, se fai uno sforzo ci riesci.

La mole di lavoro è notevole. Puoi mantenere un hobby come suonare o fare sport ma richiede fatica e organizzazione. Le lezioni dei corsi interni nei primi 2 anni (o forse anche primi 3 anni adesso) sono tipicamente dalle 18 alle 20 dal lunedì al giovedì da ottobre a dicembre e da metà febbraio a inizio giugno, e alcune di queste sono pesanti. Gli esami non sono facili.

Hai speranze ma devi lavorare un sacco. Non si prendono premi a fare benino senza preparazione. Si prendono premi a fare bene con preparazione. Puoi farcela ma devi lavorare parecchio sia di fisica che matematica. Comunque c'è il vantaggio che se anche non ti prendono alla SNS, la preparazione ti resta, e ti garantisco che è utile anche se fai l'università senza scuole di eccellenza, che tu faccia fisica o matematica o ingegneria.

La linea di pensiero è ho giusta. Non serve che finisci l'Halliday prima di fare problemi dalle Olifis. Una volta che hai fatto la parte di meccanica puoi farti un po' di problemi Olifis di meccanica, e così via.
"Per un laser, si passa da temperature positive a temperature negative non passando attraverso 0 K, ma passando attraverso l'infinito!" (cit.)
"Perché dovremmo pagare uno scienziato quando facciamo le migliori scarpe del mondo?" (cit.)

justP
Messaggi: 2
Iscritto il: 29 lug 2020, 18:48

Re: Olimpiadi e scuole d'eccellenza al quinto anno

Messaggio da justP » 2 ago 2020, 16:23

Pensando ai normalisti del mio anno direi che in media erano leggermente più nerd e meno socialmente adatti dei facoltosi (così chiamavamo quelli in facoltà), ma la differenza non è molta. E non è che se sei normalista non riesci a fare amici al di fuori, se fai uno sforzo ci riesci.
Il problema non è fare amicizia al di fuori, non mi viene difficile quello. Il fatto è che, almeno per quanto ho visto e per come la penso, il motivo principale per cui sceglierei di entrare in una scuola d'eccellenza è per il collegio e lo stare a stretto contatto con ragazzi brillanti. Allo stesso tempo però non sono sicuro di riuscire a trovarmici bene, in quel caso non so quanto sarei felice di stare aver fatto questa scelta.
Comunque c'è il vantaggio che se anche non ti prendono alla SNS, la preparazione ti resta, e ti garantisco che è utile anche se fai l'università senza scuole di eccellenza, che tu faccia fisica o matematica o ingegneria.
Non metto in dubbio che avrò una buona preparazione, però il tempo dedicato a studiare queste cose è tolto ad altro (che possono essere hobby o studiare altre cose a cui sono interessato). A questo punto mi chiedo, se frequentare una scuola d'eccellenza perdesse di senso perché l'ambiente non mi è affine, quanto senso ha utilizzare il mio tempo per studiare cose che poi farò comunque all'uni (almeno per quanto riguarda fisica) invece che per approfondire altro?
Il miei dubbio quindi è, ha senso frequentare una scuola d'eccellenza anche se l'ambiente non è il mio e quindi finirei per non frequentare gli altri collegiali? Se no, quanto ci guadagno a dedicare il mio tempo a studiare cose che (presumo) poi farò all'uni invece che approfondire altri interessi?

Pigkappa
Messaggi: 1754
Iscritto il: 11 gen 2009, 14:58
Località: Londra

Re: Olimpiadi e scuole d'eccellenza al quinto anno

Messaggio da Pigkappa » 3 ago 2020, 2:06

justP ha scritto:
2 ago 2020, 16:23
ha senso frequentare una scuola d'eccellenza anche se l'ambiente non è il mio e quindi finirei per non frequentare gli altri collegiali?
Non crearti problemi immaginari. Probabilmente ti troverai bene con gli altri. E se non sara' cosi' ti cercherai anche amici fuori. Non ti stressare in anticipo.
justP ha scritto:
2 ago 2020, 16:23
quanto ci guadagno a dedicare il mio tempo a studiare cose che (presumo) poi farò all'uni invece che approfondire altri interessi?
Partire in vantaggio e' molto utile e rende probabile che resterai in vantaggio.
"Per un laser, si passa da temperature positive a temperature negative non passando attraverso 0 K, ma passando attraverso l'infinito!" (cit.)
"Perché dovremmo pagare uno scienziato quando facciamo le migliori scarpe del mondo?" (cit.)

Rispondi