Curvatura spazio tempo

Area riservata alla discussione di argomenti concettuali di fisica, non necessariamente legati ad uno specifico problema
Rispondi
Marcog11
Messaggi: 1
Iscritto il: 8 lug 2020, 12:25

Curvatura spazio tempo

Messaggio da Marcog11 » 8 lug 2020, 12:47

Buonasera a tutti,
Sono un architetto e sono sempre stato appassionato dal mondo della fisica e guardo ai fisici come i fedeli guardano ai loro sacerdoti....
In maniera del tutto autodidatta sto provando a capire i concetti principali della teoria della relatività, senza addentrarmi( aimé perché non in grado di comprendere a fondo) nelle dimostrazioni matematiche. Sostituire il concetto di forza con quello di curvatura, mi ha letteralmente catturato, ma ovviamente mi ha lasciato ancora non in grado di capire come fa un pianeta a scivolare nello spazio tempo deformato del Sole e a rimanergli in orbita senza cadere nella " fossa" prodotta nel tessuto spazio tempo dal Sole stesso. Con la forza di gravità riuscivo a capire le orbite ma con lo spazio deformato faccio fatica.
Potreste aiutarmi a capire questa mia "mancanza" in una forma non troppo tecnica.
Grazie mille
Buona giornata

Navi
Messaggi: 36
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Curvatura spazio tempo

Messaggio da Navi » 16 lug 2020, 13:34

Caro Marco, i quesiti che poni sono tuttora irrisolti. Nondimeno, tento di esprimere qualche concetto rifacendomi a una delle linee interpretative sposate da un po’ di scienziati. Ovviamente, scuserai i miei limiti, avendo massima indulgenza nei miei confronti.

Perché si possa parlare di curvatura spaziotemporale, il presupposto è che lo spazio sia pieno, non potendo esser curvata una mera geometria astratta. Di che cosa sia pieno, non si sa, poiché si tratterebbe di un quid di ben più corposo e sostanzioso dell’energia oscura e della materia oscura. Potrebbe essere (ma a livello di fantasia) quella stessa energia che poi ha formato i corpi celesti ecc., ed è rimasta come era, non essendo stata “convertita”. L’esistenza delle onde gravitazionali pare asseverare l’ipotesi dello spazio pieno.

Comunque sia, l’opinione di Einstein risente molto di quella di Mach, il quale afferma che l’esistenza di una massa è indissolubilmente collegata agli altri corpi; cioè a dire che tra le masse si forma una sorta equilibrio “stabile”, la cui ragione è ancora ignota: qui, mutatis mutandis, il tema andrebbe studiato anche con riguardo ai punti lagranciani. Questa “stabilità” viene dunque mantenuta anche nei movimenti delle masse in séguito alla curvatura spaziotempo.
In altre parole, la massa curva lo spaziotempo, tanto che pure la luce viaggia curva: circa i calcoli, vi è la possibilità di evitare i Tensori e giungere all’esatta conclusione con matematica di primo liceo (caso mai, se ne parla). A causa della curvatura, lo spazio non è più piatto, sicché i corpi sono ontologicamente e sempre in movimento: le masse curvano spazio e tempo, mentre, a sua volta, tutto ciò che è curvato funge, secondo l’entità della curvatura, da “percorso stradale” per le masse. E però, stante l’arcano “dell’equilibrio di Mach”, mentre le masse “essenziali” “osservano la regola delle distanze”, gli altri corpi e corpuscoli seguono invece la curvatura: ed ecco spiegata la caduta dei gravi, ecc.

Personalmente, non tutto mi convince, ma non ho i numeri per integrare. Solo a livello di mera fantasia, e fermo restando la certezza della curvatura operata dalle masse (abbiamo già visto che possiamo misurare persino il grado di curvatura della luce), ricordo un po’ Tesla, e mi faccio condizionare nel senso che vedo possibile (ma, ripeto, solo possibile) anche una “forza” che tende a compattare i corpi; e tale forza “spinge” dall’esterno verso il centro delle rispettive masse: insomma, la massa non attira, bensì, e anzi, è compressa da un qualcosa (l’energia di cui si è parlato?) che la tiene aggregata; e, secondo un’opinione (non so quanto valida), tale “forza di aggregazione” funge pure da una sorta di “cuscinetto” che evita l’impatto delle masse. Sempre in fantasia, pare sussistere un piccolo spunto di prova in tal senso: al centro della terra (dove, stando a Newton, la gravità dovrebbe essere Zero), il valore g (ovviamente, terrestre) è, per contro, massimo!
Ciao
Navi

Navi
Messaggi: 36
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Curvatura spazio tempo

Messaggio da Navi » 26 lug 2020, 12:30

Buondì.
Amico Archietto, non ti sei fatto più sentire. Se interloquisci, possiamo, per esempio, misurare il differente trascorrere del tempo sul Sole rispetto a quanto avviene sulla Terra: si tratto di differenza piccolissima, ma il concetto vale. Ma, soprattutto, lo faremo con operazione di Primo Liceo, facendo a meno di chiamare in causa le formule e i percorsi di Schwarzschild.
Ciao

Navi
Messaggi: 36
Iscritto il: 29 mar 2020, 13:22

Re: Curvatura spazio tempo

Messaggio da Navi » 26 lug 2020, 12:31

Ovviamente, intendevo scrivere: ARCHITETTO.
Ciao

Rispondi