proposta relativistica delle interazioni elettriche

Area riservata alla discussione di argomenti concettuali di fisica, non necessariamente legati ad uno specifico problema
Rispondi
wolt
Messaggi: 1
Iscritto il: 22 mar 2017, 16:59

proposta relativistica delle interazioni elettriche

Messaggio da wolt » 22 mar 2017, 17:06

Ciao a tutti,
mi sono appena iscritto e non sono uno studente di fisica, quindi interpretate questo post in maniera "creativa" grazie.
Sono idee che mi ronzano in testa da qualche tempo, aiutatemi a fermarle.

Consideriamo un particella appoggiata ad un piano, essa è sottoposta ad una forza gravitazionale, che è interpretabile come la risultanza di una deformazione dello spazio-tempo.
Essa rimane in quiete grazie alla reazione vincolare verso l'alto fornita dal piano. Le interazioni elettriche che costituiscono questa forza potrebbero essere interpretate come una deformazione locale dello spazio-tempo?

Mi sembra naturale che due fenomeni che si elidono possano essere ricondotti infatti alla stessa natura.

Mi sembra semplice interpretare come una particella sia in quiete, se si trova in una spazio con deformazione spazio-temporale localmente pari a zero (nessuna curvatura locale).

Le forze elettriche agiscono su distanze minori rispetto alla gravità, ma l'equilibrio di avrebbe dove le due deformazioni spaziotemporali si sovrappongono a zero.

Questo spiegherebbe il principio di azione-reazione, in quanto la forma dello spazio tempo non può essere curvata con angoli netti (derivata seconda minore di infinito) e quindi nell'intorno del punto di equilibrio, il limite della derivata prima, da una parte e dall'altra, tenderebbe allo stesso valore.

La conferma sperimentale sarebbe concettualmente semplice: può una forte interazione elettrica deviare localmente un fascio di luce?

Ho altre idea collegate a questo principio, al moto accelerato ed alla contrazione delle lunghezze, ma aspetto vi scateniate su queste righe...

Pigkappa
Messaggi: 1586
Iscritto il: 11 gen 2009, 14:58
Località: Londra

Re: proposta relativistica delle interazioni elettriche

Messaggio da Pigkappa » 22 mar 2017, 23:41

wolt ha scritto: La conferma sperimentale sarebbe concettualmente semplice: può una forte interazione elettrica deviare localmente un fascio di luce?
Un forte campo elettrico o magnetico può avere una densità di energia così grande da deformare lo spazio-tempo così come lo deforma la materia tramite la gravità. Per cui, almeno in qualche senso, la risposta è sì.

Tuttavia se vuoi andare a studiare a livello microscopico le interazioni tra gli atomi del piano e la particella, ti accorgi che è difficile; non abbiamo una teoria che incorpora la relatività generale e la fisica delle interazioni fondamentali. (Almeno a quanto ne so.) L'argomento è estremamente complesso.
"Per un laser, si passa da temperature positive a temperature negative non passando attraverso 0 K, ma passando attraverso l'infinito!" (cit.)
"Perché dovremmo pagare uno scienziato quando facciamo le migliori scarpe del mondo?" (cit.)

Rispondi